Logo Regione Marche
Marcheinsalute: Il portale della Sanità nelle Marche
Marcheinsalute: Il portale della Sanità nelle Marche
Link al sito Dimi
Voi siete qui:
##CANALE_AZIENDA##
##CANALE_ASL##
##CANALE_PIANIFICAZIONE##
##CANALE_COMUNICAZIONE##
##CANALE_ATTI_AMMINISTRATIVI##
##CANALE_PORTALE##
NEUROLOGIA e… neurosonologia
tccd Corsi nazionali di aggiornamento in ultrasonografia transcranica (TCCD) 

6° - 7° Corso 2009 

Prosegue l’attività dell’U.O. di Neurologia dell’ASUR-ZT12 di San benedetto del Tronto diretta dal Dr. Luigi Curatola.

L’ospedale di San Benedetto del Tronto si riconferma ancora struttura d’elite per la formazione di personale dedicato allo stroke e alla neurosonologia in particolare.

I corsi di aggiornamento di ultrasonografia transcranica sono oramai diventati un appuntamento imperdibile per chi si occupa di patologia vascolare. 

Iniziati diversi anni fa, siamo ora arrivati nel 2009 al:  

6° Corso di aggiornamento in eco-color-doppler transcranico 

7° Corso di aggiornamento in eco-color-doppler transcranico 

La patologia vascolare costituisce sicuramente un’importante fetta, se non la principale, della attività di ogni moderna Neurologia. Gli importanti vincoli nati dalla introduzione della medicina basata sui DRG e sulla aziendalizzazione delle risorse hanno imposto ai reparti di neurologia italiani una maggiore attenzione e una sempre più aggiornata pratica nella gestione dei pazienti con patologia vascolare.

D’altra parte la stessa Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) nel suo ufficio per l’Europa, tramite la “Dichiarazione di Helsingborg” pubblicata su Cerebrovascular Diseases propone dei goals ambiziosi nella gestione del paziente affetto da patologia vascolare cerebrale. La nascita oramai ubiquitaria delle Stroke-unit, l’approccio di tipo trombolitico alla patologia vascolare cerebrale ne sono la logica conseguenza. 

L'offerta formativa della nostra U.O. è composta per il 2009 da due corsi residenziali in cui sono trattate tutte le possibili applicazioni della metodica ultrasonora nello studio della patologia cerebrale. Ricerca di shunt dx-sx, patologia venosa cerebrale, ecografia bidimensionale del parenchima cerebrale, trombolisi e patterns da riperfusione, contrasti e metodiche di perfusione con curve densitometriche di IN e wash OUT, heart-brain interactions, sono i principali "topics" su cui si imperniano gli incontri che, come si vede, interessano in maniera trasversale numerose branche specialistiche (Neurologia,Medicina interna, Cardiologia, Angiologia, Geriatria, ecc). La struttura di ogni incontro è ormai consolidata ed ha trovato totale accoglienza in questi anni  presso i partecipanti.

Ogni corso si compone di:

- una parte teorica con lezioni frontali tenute dai principali esponenti della materia

- una parte pratica, con esecuzione diretta di esami da parte dei partecipanti

Il numero di partecipanti è limitato (max. 45 medici discenti per ciascun corso) e questo per dare una maggiore conoscenza pratica dell'indagine neurosonologica.

Inoltre i discenti sono divisi in piccoli gruppi e ogni gruppo è seguito da un tutor che ha il compito di relazionarsi con i discenti e di interagire con loro nella parte pratica. 

Ogni stage e' quindi finalizzato alla formazione “a tutto campo” del neurosonologo.  

Il 15-16 Giugno si è tenuto il 6° Corso di aggiornamento nella sede dell’Hotel Villa Picena di Colli del Tronto. Il corso ha visto la gradita presenza in qualità di discenti di numerosi colleghi di varie branche specialistiche provenienti da tutte le regioni italiane (isole comprese).

Ai corsi partecipano in qualità di relatori i dirigenti medici della Unità Operativa di Neurologia:
Dr. Carboni, Dr. Gobbato, Dr.ssa Paci, Dr. D’Andreamatteo. La capo sala Sig.ra Coccia Giuseppina ha curato i rapporti con i pazienti durante la parte pratica. Sono intervenuti inoltre altri relatori italiani (Dr.  Accorsi-Bologna, Dr. Lochner-Merano, Dr. Coppo-Novara, Dr. Francolini-Fano, Dr. Nicoletti-Matera, Dr. Inchingolo-San Giovanni Rotondo, Dr. De Campora-Napoli, ). Da segnalare la presenza del Dr. G. Malferrari di Reggio Emilia. Il Dr. Malferrari costituisce sicuramente uno dei principali esponenti della ultrasonografia transcranica italiana ed è colui che ha iniziato e continua a diffondere la metodica a livello nazionale ed internazionale.

Infine il corso ha visto il contributo di due eminenti relatori stranieri: Prof. Molina della unità vascolare dell’Ospedale di Barcellona (Spagna) ed il Prof. Sztajzel di Ginevra. Entrambi sono autori di numerose pubblicazioni e libri nell’ambito della patologia vascolare e della neurosonologia. Il Prof. Molina ha tenuto due lectures su: “Emergent non-invasive monitoring in acute ischemic and hemorrhagic stroke” e “Microbubble-enhanced sonothrombolysis for acute ischemic stroke”.

Il Prof Sztajzel, responsabile della neurologia di Ginevra, ha tenuto due lectures: “Thrombolitic therapy in acute ischemic stroke: systemic, intraarterial, hybrid, mechanical, bridging”(in cui ha brillantemente puntualizzato le varie metodiche trombolitiche usate in Europa e quale deve essere il ruolo del tccd in acuto)  e “Thrombolysis and clinical cases” vasta rassegna di casi clinici di patologia vascolare cerebrale documentati con imaging di ultima generazione e discussi con i discenti.

L’aspetto fortemente interattivo caratterizza infatti questi incontri e forse ne  costituisce una rilevante forza di penetrazione comunicativa e in ultima analisi forse rappresenta la molla che spiega il crescente interesse da parte dei colleghi verso la metodica ultrasonora transcranica.   

·          Pubblicazione degli atti dei due corsi di aggiornamento 2009.

Oltre alle già note indicazioni della metodica sono emerse nel corso quelle che sicuramente saranno le future applicazione dell’eco-color-doppler transcranico:    

-studio del parenchima ovvero ecografia cerebrale e quindi la “brain parenchyma sonography” mirata anche alle malattie extrapiramidali),  

-lo studio perfusionale in acuto con contrasto e seconda armonica ed infine  

-gli studi dei meccanismi di “outflow” venoso, che rivestiranno sicuramente massima importanza nei prossimi anni. Scopo della metodica è allora aprire una nuova filosofia nello studio della patologia cerebrale: se fino ad ora studiando il compartimento arterioso con tccd ci si è soffermati per lo più su “how blood reaches the head” ora si sta invece studiando how blood “leaves” the head. 

La stessa pubblicazione di tutti i contributi del congresso in un supplemento dedicato al corso avvenuta su una importante rivista internazionale, con “impact factor” e presente in “pub-med” , rappresenta sicuramente un riconoscimento anche internazionale della validità ed importanza dei corsi. 

La rivista “Functional Neurology-the journal of the International Functional Neurologic Society (IFNS)” ha infatti dedicato un intero supplemento alla pubblicazione degli atti dei due corsi.Da notare che, dall’inizio della pubblicazione della rivista stessa (1986) è la seconda volta che viene stampato un supplemento. I referees e l’editor-in-chief hanno evidentemente deciso che l’intero corpus delle relazioni (che era già stato parzialmente assemblato in italiano nel corso precedente) meritava la presenza del volume.

Il prossimo corso (7° Corso) si terrà nei giorni 21-22 settembre 2009 e vedrà, fra l’altro, la partecipazione del Prof Walter (della Rostock-University) che rappresenta sicuramente il massimo esponente mondiale della “brain parenchyma sonography” nello studio delle patologie extrapiramidali con metodica ultrasonora. Infatti sono stati individuati con l’eco-color-doppler transcranico dei possibili “markers subclinici” che potrebbero indicare precocemente una  suscettibilità individuale alla comparsa di malattie extrapiramidali (Parkinson, PSP, ecc) quando il paziente è ancora asintomatico. Non deve sfuggire infatti l’importanza della metodica:tale dato se confermato potrebbe infatti  sicuramente contribuire ad una precoce diagnosi delle stesse malattie.              

                                        ___________________

L’U. O. di Neurologia è stata recentemente dotata, grazie all’interessamento del Direttore Generale Dr. Petrone, del Direttore Sanitario Dr. Appignanesi e del Direttore Amministrativo Dr. Esposito, di un ecografo di ultima generazione che permetterà di fare anche attività di ricerca in campo ultrasonografico cerebrale. Si è passati pertanto da una apparecchiatura di prima generazione con imaging analogica degli anni 90, ormai desueta, ad una  strumentazione di seconda generazione con softwares dedicati  e parametri di post-processing totalmente personalizzabili in base alle esigenze degli operatori. 

Dr. Sandro Sanguigni, U.O. Neurologia ASUR-ZT12

Versione stampabile