Logo Regione Marche
Marcheinsalute: Il portale della Sanità nelle Marche
Marcheinsalute: Il portale della Sanità nelle Marche
Link al sito Dimi
Voi siete qui:
##CANALE_AZIENDA##
##CANALE_ASL##
##CANALE_PIANIFICAZIONE##
##CANALE_COMUNICAZIONE##
##CANALE_ATTI_AMMINISTRATIVI##
##CANALE_PORTALE##
La Banca Picena Truentina dona una ambulanza all'ASUR ZT12

La Banca Picena Truentina 

dona una ambulanza all’ASUR-ZT12

L’ASUR Zona Territoriale n. 12 e la Banca Picena Truentina di Acquaviva Picena presenteranno il prossimo 30 maggio 2010, alle ore 11.30, in piazza Giorgini (Rotonda) a San Benedetto del Tronto, l’ambulanza che l’Istituto di Credito ha donato alla POTES 118 del Presidio ospedaliero “Madonna del Soccorso”. 

L’ambulanza è classificata del “Tipo A” (è, quindi, dotata di carrozzeria definita “autoambulanza di soccorso”, è attrezzata per il trasporto di infermi o infortunati e per il servizio di pronto soccorso, ed è dotata di specifiche attrezzature di assistenza) ed ha un valore complessivo di circa 90.000 euro. 

Più in particolare, è un automezzo modello Fiat Ducato MH2, allestimento “Domino Freestyle”, accessoriata con Monitor – defibrillatore Philips Mrx e Respiratore polmonare portatile 170. 

Con questo atto di liberalità, la Banca Picena Truentina interviene nel rinnovamento del parco automezzi di cui è dotata la POTES 118 della Zona Territoriale n. 12. 

Il Commissario Straordinario dott. Massimo Esposito ringrazia vivamente, a nome di tutta la Zona Territoriale, il Presidente dell’Istituto di Credito cav. Gino Gasparretti, il Direttore Generale dott. Gino Marini, il vice Direttore Generale dott. Romolo Bugari e tutto il Consiglio di amministrazione per  questa donazione, che rappresenta un importante contributo al miglioramento della qualità dell’assistenza sanitaria nel settore dell’emergenza. 

La Direzione di Zona coglie l’occasione per ringraziare coloro che vorranno intervenire alla cerimonia e tutti i collaboratori che hanno reso possibile l’acquisizione dell’ambulanza al patrimonio zonale. 

Un particolare ringraziamento è rivolto, infine, a tutti gli operatori della locale POTES 118 per il prezioso e delicato lavoro, svolto spesso in condizioni estreme.

Versione stampabile