Logo Regione Marche
Marcheinsalute: Il portale della Sanità nelle Marche
Marcheinsalute: Il portale della Sanità nelle Marche
Link al sito Dimi
##CANALE_AZIENDA##
##CANALE_ASL##
##CANALE_PIANIFICAZIONE##
##CANALE_COMUNICAZIONE##
##CANALE_ATTI_AMMINISTRATIVI##
##CANALE_PORTALE##
Sicurezza e Salute nel comparto Alberghiero e della Ristorazione
Ristorazione

convegno 11 mar ‘05

 

Il Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro della Zona Territoriale 12 di San Benedetto del Tronto, ha organizzato per l’11 Marzo presso l’Auditorium della Biblioteca Comunale , un Convegno dal titolo : “ Sicurezza e salute nel comparto Alberghiero e della Ristorazione” , con l’obiettivo , prioritario  in una Unità Operativa che fa della prevenzione primaria la sua ragion d’essere, di socializzare  alla collettività i rischi e le soluzioni in un comparto trainante per l’economia della nostra Zona Territoriale quale quello del Turismo e dell’indotto che ne deriva.

Quello degli alberghi della costa, da San Benedetto del Tronto fino a Pedaso, e ovviamente , al di fuori del territorio di competenza dello SPSAL, nel vicino Abruzzo e nel fermano, è un comparto di particolare interesse sia per la presenza di numerosi alberghi, sia per la vocazione turistica del territorio. Nell’ambito del Convegno, si è ritenuto utile in una prima fase, produrre un documento di sintesi delle varie esperienze condotte in questo comparto, grazie alla collaborazione attiva e motivata di tutto il comparto dello SPSAL, come linea guida per analizzare le tematiche di igiene e sicurezza sul lavoro, e presentare nel dettaglio le dinamiche infortunistiche e le strategie di prevenzione; inoltre verranno diffusi i dati relativi ad un piano di  intervento e di controllo effettuato mediante sopralluoghi condotti nel corso del 2003 nel comparto, da cui sono scaturite indicazioni operative e soluzioni tecniche, soprattutto per quanto attiene le macchine e le attrezzature di lavoro.

Nell’ambito della giornata di approfondimento, cui sono stati invitati gli operatori turistici del settore , i lavoratori , gli RLS, i consulenti tecnici , i sindacati, con la collaborazione della Associazione Alberghiera Riviera delle Palme, della Confesercenti e della Confcommercio, verranno analizzati i rischi elettrici, i rischi di incendio, i rischi legati all’uso di attrezzature non conformi, i rischi della Legionellosi per i lavoratori del Settore, gli aspetti formali ed amministrativi dei rapporti con l’organo di vigilanza, il Pronto Soccorso, gli infortuni sul lavoro nei minori, la forma e l’agente e le modalità più frequenti , emersi grazie all’analisi epidemiologica consentita dallo strumento “ Flussi Informativi Infortuni e Malattie Professionali INAIL-ISPESL-REGIONI.

Alla  luce delle considerazioni fatte, abbiamo ritenuto opportuno promuovere una ricerca al fine di verificare le condizioni del settore ricettivo dopo la stagione turistica 2005, quindi dopo le azioni correttive intraprese per il miglioramento dell’igiene e della sicurezza. L’obiettivo della indagine è stato e sarà anche quello di analizzare i fattori di rischio presenti nei complessi alberghieri, in grado di determinare eventi accidentali acuti ( infortuni con un costo sociale ed umano spesso molto elevato) , e/o insulti tecnopatici cronici ( malattie professionali), tenendo presente che nelle Marche vengono impiegati  nel settore circa 15.000 lavoratori, e circa 4000 nella Provincia di Ascoli Piceno.

In sintesi, si può ipotizzare che:

1.      il calo degli infortuni nel comparto, registrato negli ultimi anni, sia dovuto al calo delle ore lavorate ed anche ad un miglioramento delle condizioni di lavoro favorito dalla azione costante di informazione e prevenzione del Dipartimento di Prevenzione e del Servizio PSAL e dalla condivisione di alcuni obiettivi con tutte le parti sociali.

2.      la cucina è un luogo di lavoro pericoloso al pari della fabbrica, infatti si scivola, ci si taglia, ci si ustiona, ci si procurano danni muscolari da sovraccarico.

3.      l’infortunio in albergo ha una prognosi media comparabile con quella di altri comparti manifatturieri.

4.      le modalità di infortunio  più frequenti: caduta e scivolamento, sforzo muscolare, taglio, uso di macchine.

5.      Il lavoratore infortunato è spesso: donna , minore apprendista, extracomunitario, dipendente stagionale più che in altri comparti.

 

IL DIRETTORE U.O.PSAL, Dott. Paolo Trincia

Consultare il Programma allegato.

Versione stampabile




Download:
  • Programma