Logo Regione Marche
Marcheinsalute: Il portale della Sanità nelle Marche
Marcheinsalute: Il portale della Sanità nelle Marche
Link al sito Dimi
Voi siete qui:
##CANALE_AZIENDA##
##CANALE_ASL##
##CANALE_PIANIFICAZIONE##
##CANALE_COMUNICAZIONE##
##CANALE_ATTI_AMMINISTRATIVI##
##CANALE_PORTALE##
RIABILITAZIONE CARDIOLOGICA E PREVENZIONE SECONDARIA NEL PAZIENTE CON CARDIOPATIA ISCHEMICA
Riabilitazione Cardiologica

La Cardiologia Riabilitativa e Preventiva è ormai da qualche anno riconosciuta come il modello standard per il trattamento globale del paziente cardiopatico in fase postacuta o cronica e, in particolare, costituisce il modello più efficace per la realizzazione di una prevenzione secondaria strutturata e a lungo termine.

Le evidenze scientifiche disponibili sull’argomento sono tante e tali che la stessa Agenzia per i Servizi Sanitari Regionali e l’ISS, nelle recenti linee guida nazionali di riferimento per la Cardiologia riabilitativa e prevenzione secondaria delle malattie cardiovascolari, ha riconosciuto che“le analisi economiche disponibili sull’argomento suggeriscono che la CR è un intervento costo-efficace dopo un evento coronario acuto”.

Il presente corso nasce dall’esigenza di garantire, al paziente cardiopatico continuità assistenziale auspicata da tutte le linee guida regionali e nazionali. 
 

OBIETTIVI GENERALI: (illustrazione delle finalità per cui è stato progettato il corso) 
 

-Integrazione tra i reparti/servizi di emergenza (UTIC-Emodinamica) e i servizi di cardiologia riabilitativa e preventiva e tra questi e la medicina del territorio, in modo da assicurare al paziente reduce da un evento coronarico acuto quella continuità assistenziale fondamentale per un approccio “globale” alla malattia coronarica.

-Implementazione della cultura della prevenzione nelle malattie in generale e nella malattia arteriosclerotica in particolare.

-Far maturare nei partecipanti al convegno la consapevolezza che la riabilitazione cardiologica e la prevenzione cardiovascolare sono uno strumento essenziale per incidere positivamente sulla prognosi dei pazienti coronaropatici.      

DESTINATARI

Personale medico ed infermieristico ospedaliero e del territorio direttamente coinvolto nella gestione dei pazienti affetti da malattia arteriosclerotica.